Migliori purificatori d’aria

I purificatori d’aria migliori sul mercato che ho scelto sono prodotti da vari marchi leader nel settore, e sono disponibili per l’acquisto online da alcuni degli store più noti.

In questo elenco non tengo conto del prezzo, perché voglio suggerirvi il meglio disponibile, per cui i costi che dovrete sostenere per avere a disposizione una purificazione dell’aria massima saranno più elevati ma comunque non assurdi.

Generalmente i migliori purificatori d’aria sono in grado di agire su volumi ampi e hanno una serie di raffinatezze tecnologiche che potreste sacrificare se volete spendere di meno. Per questo dedicherò uno spazio a un altro elenco dei migliori purificatori d’aria economici.

Cominciamo con la lista.

Philips AC2887/10

Il purificatore d’aria Philips AC2887/10

Per come la vedo io, questo AC2887/10 è il migliore purificatore d’aria della gamma Philips per il rapporto tra qualità e prezzo. Si tratta di un apparecchio che sicuramente è di gamma altissima, ma il prezzo non è certo eccessivo per quello che è in grado di offrire in termini tecnologici.

Partiamo dal sistema di filtrazione: l’AC2887/10 ha un pre-filtro che permette di non affaticare i filtri successivi e trattiene le particelle più grossolane, seguito da un filtro ai carboni attivi e un filtro HEPA. In una soluzione sola quindi vengono incorporate diverse barriere per fermare gli agenti nocivi presenti nell’aria.
Philips infatti garantisce che questo purificatore d’aria rimuove il 99,9% dei batteri presenti nell’aria, e il 99% dei virus. Queste differenze percentuali dipendono dal fatto che i virus sono più piccoli dei batteri, ma in ogni caso stiamo parlando di una purificazione molto molto buona.

Questo purificatore va bene per stanze grandi, e la superficie su cui riesce ad agire efficacemente è di circa 80 metri quadrati: un appartamento medio-grande non è un grosso problema, insomma. Il volume di aria trattato infatti è di circa 360 metri cubi all’ora, per garantire un ricircolo ottimale.

La dotazione tecnologica in termini di personalizzabilità dei programmi è razionale e ben pensata. Si può infatti impostare un programma rafforzato che elimina i batteri, oppure dedicare il depuratore alla rimozione degli allergeni con un programma dedicato, o ancora regolarlo per la notte, con rumorosità (33dB) e luminosità molto ridotte. Infine si può far fare tutto a lui, con la modalità automatica, oppure regolare la potenza delle ventole su 4 differenti livelli.

Una delle caratteristiche interessanti dei modelli di fascia alta di purificatori Philips è la presenza di un sistema per segnalare il livello di PM2.5 nell’aria. Il numero sul display a LED segnala la quantità di particelle di dimensioni piccolissime (le più dannose, perché possono arrivare fino alle ramificazioni più sottili dei polmoni) presenti nell’aria, e monitorandolo di tanto in tanto possiamo renderci conto se il purificatore sta facendo il suo lavoro al meglio.
Anche il Philips AC2885/10 ha questa funzione in più, come potete vedere dalla foto ripresa dall’alto che ho messo qui sopra.

Avete bisogno di meno potenza? Potete guardare al Philips AC1215 che è in grado di supportare la purificazione dell’aria su superfici intorno ai 60 metri quadri. Le caratteristiche sono quasi le stesse, ma il prezzo è inferiore di circa 100€.

Xiaomi Mi Air Purifier Pro



Sono finiti i tempi in cui i prodotti cinesi erano solo delle brutte copie di quelli occidentali. Oggi esistono produttori originari della Cina che propongono oggetti all’avanguardia, con soluzioni tecnologiche spesso copiate da quelli delle nostre parti. Xiaomi è uno di questi: azienda che spazia tantissimo nella sua produzione (dagli smartphone, agli scooter elettrici, agli accessori per la domotica), e che ultimamente sta dedicando attenzione ai purificatori d’aria, come è normale in un paese come la Cina che ha molti problemi di inquinamento nelle sue città principali.

Lo Xiaomi Mi Air Purifier Pro ha una struttura interessante, che nasconde una soluzione altrettanto interessante al problema della pulizia dell’aria. Rispetto ad altri depuratori è più alto (73cm) ma stretto (lato di 26cm) e grazie a questa forma a torre riesce a creare delle correnti convettive che danno ottimi risultati sui tempi di purificazione dell’aria: Xiaomi stessa afferma che il suo depuratore d’aria è in grado di pulire l’atmosfera nel nostro appartamento in 12 minuti. In più il prezzo, per le caratteristiche di automazione che offre, non è per niente alto.

Per darvi un’idea delle sue principali caratteristiche ho trovato in rete questo video interessante:

Grazie a questo video credo si riesca a capire bene che dimensioni ha il Mi Air Purifier Pro, ma soprattutto si capisce una delle caratteristiche che secondo me sono più interessanti di questa serie di prodotti: ovvero che è comandabile tramite smartphone grazie a una app dedicata. Come detto Xiaomi è interessata alla domotica, e questo depuratore si integra bene in una casa tecnologica (ma non deve essere per forza così, potete usarlo anche normalmente).

La dimensione coperta da questo purificatore è di 60 metri quadri, e anche qui abbiamo filtro ai carboni attivi e filtro HEPA, preceduti da un pre filtro che potete pulire manualmente. Se volete un purificatore veloce e “smart” ve lo consiglio.

Electrolux EAP150

Forse non è tra i marchi più blasonati del mondo, ma Electrolux fa parte di un gruppo di aziende svedesi che a mio parere lavorano molto bene, e infatti io ho scelto questo modello per casa mia. Finora mi sono trovato molto bene.

Non vi nego che lo ho scelto anche per il prezzo un po’ più basso degli altri, ma la mia non è stata una scelta solo condizionata da un semplice fattore numerico. In realtà l’Electrolux EAP300 ha recensioni molto positive a prescindere dal suo costo relativamente basso, soprattutto perché ha praticamente tutto quello che si può volere da un depuratore d’aria.

Cominciamo con la capacità di ricircolo dell’aria: riesce a gestire bene secondo me un ambiente molto grande; non mi spingerei a parlare dei 32 metri quadri di cui dice il produttore, ma un’area 25 metri quadri secondo me la gestisce più che bene e in tempi rapidi.
In più ci sono le varie modalità di personalizzabilità presenti sui purificatori d’aria migliori: regolazione delle velocità, modalità notturna silenziosa, diverse tipologie di filtro, e così via.

Ma quello che secondo me lo rende vincente è il fatto che ha quattro diversi stadi di filtrazione dell’aria, uno in più della media dei depuratori d’aria, e soprattutto la possibilità di lavare molto facilmente il filtro Allergy Plus incorporato. Secondo me questo ne fa un ottimo depuratore d’aria per allergie: tiene molto bene d’occhio i pollini, e posso dirlo con certezza.

Parlando di difetti, io ne trovo solo uno che per me non è molto importante, ma magari per voi lo è: l’EAP150 non è uno di quei depuratori d’aria smart, con l’app dedicata, il collegamento WiFi e tutto il resto… Ripeto, per me non è importante e anzi io credo che più certe cose sono semplici meglio è (quello che non c’è non si può rompere, è uno dei miei proverbi preferiti).

Se volete qualcosa di più potente provare a dare un’occhiata a questo modello, che è indicato per superfici fino a 100 metri quadri e ha cinque stadi di filtrazione, oltre a un telecomando incorporato che può fare comodo.


Questi sono secondo me i tre migliori depuratori d’aria disponibili sul mercato. Ci sono anche altri marchi che a volte sono stati molto più pubblicizzati (vedere alla voce Dyson) ma onestamente non mi pare proprio che abbiano delle caratteristiche così imprescindibili da far pensare che siano due volte meglio di questi. Parlo di due volte, perché spesso questi depuratori d’aria costano il doppio!

Prima di concludere questa carrellata sui migliori purificatori, voglio proprio parlare dei Dyson, perché so già che qualcuno si domanderà “Ma come, non li mette tra i top?”. La mia risposta è che qualche tempo fa ho avuto modo di provare il modello di punta della gamma Dyson, il Dyson Pure Cool a torretta, ma non ci ho trovato niente di particolare e secondo me non è sufficientemente efficace da garantire un prezzo così alto. Purtroppo dentro questi apparecchi hanno messo anche la funzione di ventilazione, che penso abbia fatto perdere loro tanta efficacia. Ho deciso di scrivere un articolo sulla gamma di purificatori d’aria Dyson per dirvi la mia con più precisione e usando più spazio. Ah, ultima cosa: andate a guardare le recensioni del Dyson a questo link. Vi renderete conto che per la maggior parte sono fatte da persone che hanno ricevuto il prodotto gratis. Non vorrà dire niente, ma comunque…

Buoni acquisti!